Messaggio
  • Informativa Privacy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire l’autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando questo sito web, accetti che questi tipi di cookie vengano registrati sul tuo dispositivo.

    Visualizza l’informativa sulla Privacy

Stampa E-mail
Martedì 09 Dicembre 2014 19:45
Anche quest’anno, l’8 dicembre, Festività dell’Immacolata Concezione, è stata come da tradizione, una giornata importante vissuta con grande partecipazione da parte dei Cavalieri e Dame del Gran Priorato di Napoli e Sicilia.
Di buon mattino, S.E. il Gran Priore, Frà Luigi Naselli di Gela,  si è recato, accompagnato dal Cancelliere Arturo Martucci di Scarfizzi e dal Ricevitore Umberto Ferrari, a deporre un cuscino di fiori riproducente la Croce Ottagona  ai piedi dell’obelisco dedicato a Maria Santissima in Piazza del Gesù.
La giornata è proseguita con una solenne Concelebrazione liturgica presso la Chiesa Gran Priorale, presieduta dal Cappellano Capo S.E. l’ Arcivescovo Beniamino Depalma e concelebrata dal Cappellano Magistrale don Gioacchino Prisciandaro, alla quale hanno preso parte autorità e  numerosissimi Cavalieri, Dame e Donati.
All’inizio della funzione Frà Luigi Naselli di Gela, dopo un affettuoso saluto  ai presenti e ai nuovi numerosi Confratelli e Consorelle che in questo giorno festeggiavano il loro ingresso nel Sovrano Ordine, ha ricordato i principali progetti e le attività affrontate con impegno dal Gran Priorato nel corso dell’anno fra cui  la gestione della nuova Casa del Pellegrino di Pompei, ormai pienamente operativa, l’accoglienza dei migranti al loro arrivo sulle coste Siciliane, i pellegrinaggi ai luoghi Santi con numerosi infermi.
Un paterno richiamo sulla necessità di versare con puntualità le quote  annuali, indispensabili per la vita del Gran Priorato e per non incorrere nelle sanzioni della commissione di disciplina, e la bella notizia della nomina del Conte Riccardo Paternò di Montecupo a Commissario Magistrale dell’ACISMOM, hanno chiuso il suo intervento.
Centrata sull’esempio della Madonna, l’omelia di S.E. Mons. Depalma. “Dio vuole condividere con gli uomini la Sua immensa felicità e la festa della Immacolata è la festa di coloro che hanno creduto in Lui così come lo fece la Vergine di Nazaret  “.
Una parte significativa e solenne della celebrazione, sono poi state  le investiture dei numerosi nuovi Confratelli e Consorelle e le consegne di onorificenze al Merito Melitense  da parte di Frà Luigi Naselli di Gela,  a quanti si sono distinti per sacrificio e dedizione nell’espletamento della attività e delle opere di assistenza e carità dell’Ordine.  
Tutti i numerosissimi partecipanti si sono poi ritrovati nel salone del Gran Priorato ove il Procuratore Frà Luigi Naselli di Gela, coadiuvato dal Cancelliere Arturo Martucci di Scarfizzi,  ha formulato e scambiato con tutti  fraterni auguri per il prossimo Santo Natale.