Messaggio
  • Informativa Privacy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire l’autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando questo sito web, accetti che questi tipi di cookie vengano registrati sul tuo dispositivo.

    Visualizza l’informativa sulla Privacy

Stampa E-mail
Sabato 04 Luglio 2015 21:47
Mons.-Jean-LaffittePapa Francesco ha nominato oggi Monsignor Jean Laffitte nuovo Prelato del Sovrano Ordine di Malta.
Nato in Francia, a Oloron-Sainte-Marie nel 1952, Monsignor Laffitte si laurea in Scienze Politiche all’Università di Tolosa nel 1973 e successivamente studia filosofia e teologia alla Pontificia Università Gregoriana a Roma e teologia morale al Pontificio Istituto Giovanni Paolo II, sempre a Roma. Viene ordinato sacerdote a Autun, in Francia, nel 1989.
Vescovo titolare di Entrevaux, località dell’Alta Provenza, e segretario del Pontificio Consiglio per la Famiglia dal 2009, Monsignor Laffitte succede a Monsignor Angelo Acerbi, nominato Prelato dell’Ordine di Malta da Papa Giovanni Paolo II nel 2001.
Il Gran Maestro dell’Ordine di Malta Fra’ Matthew Festing ha voluto ringraziare Monsignor Acerbi: “Esprimo i miei più profondi sentimenti di ringraziamento a Monsignor Angelo Acerbi per aver operato in questi 14 anni con encomiabile dedizione e serietà e per aver rappresentato una solida guida spirituale. Rivolgo un caloroso benvenuto e augurio di buon lavoro a Monsignor Jean Laffitte”.
Il Prelato è il superiore religioso del clero dell’Ordine nella funzione sacerdotale e vigila affinché la vita religiosa e sacerdotale dei Cappellani e il loro apostolato si svolgano secondo la disciplina e lo spirito dell’Ordine di Malta. Assiste il Gran Maestro e il Gran Commendatore nella cura della vita e dell’osservanza religiosa dei membri dell’Ordine e in tutto ciò che concerne il carattere spirituale delle opere dell’Ordine. E’ nominato dal Sommo Pontefice, che lo sceglie in una terna di nomi proposti dal Gran Maestro, previo voto deliberativo del Sovrano Consiglio. Il Prelato coadiuva il Cardinale Patrono nell’esercizio del suo officio presso l’Ordine.