Messaggio
  • Informativa Privacy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire l’autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando questo sito web, accetti che questi tipi di cookie vengano registrati sul tuo dispositivo.

    Visualizza l’informativa sulla Privacy

Stampa E-mail


Gruppo Assistenza Beneficenza e Carità dei Volontari del Gran Priorato di Roma del Sovrano Militare Ordine di Malta.

Fondato dal Granpriore Von Lobstein con la collaborazione del Cav. Salvatore Azzaro e del Donato Roberto Lombardi, già gruppo "Babbo Natale", da un decennio offre Assistenza Spirituale, Umanitaria e Sanitaria ed agli ultimi tra gli ultimi sulle strade della città  di Roma.

L'attività  è sostenuta dalle donazioni dei benefattori senza i quali nulla sarebbe possibile!

Grazie all’impegno di oltre sessanta volontari facenti parte del Gruppo A.B.C. della Delegazione di Roma del Sovrano Militare Ordine di Malta da più di venti anni viene svolto, con intenso spirito umanitario, servizio di assistenza su strada ai Fratelli Bisognosi senza fissa dimora della città di Roma.

L’assistenza consiste nella distribuzione di generi di prima necessità quali pasti, bevande calde, coperte, indumenti e calzature, insomma di tutto quanto venga richiesto da parte dei bisognosi e che sia possibile reperire grazie ai nostri benefattori.

Il servizio è organizzato attualmente nelle serate del martedì e giovedì. Il martedì l’assistenza viene data in più punti del Centro Storico come Piazza Venezia, Via dei Normanni, Piazza San Pietro, Piazza Santa Maria Maggiore e nei dintorni della Stazione Termini, mentre nella serata del giovedì i volontari si radunano in maniera stanziale nell’area antistante la stazione Tiburtina e la stazione Termini.

Numerose sono, dalle stime effettuate, le quantità di generi e beni distribuiti, a dimostrazione dell’impegno, dell’umanità, dell’organizzazione e della volontà da parte dei numerosi volontari nel prestare un aiuto concreto a chi soffre e l’amore necessario per far sentire loro di non essere abbandonati perché una casa anche se non materiale, esiste, ed al suo interno vi è una piccola famiglia fatta di centinaia di volontari pronti ad accoglierli.