Messaggio
  • Informativa Privacy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire l’autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando questo sito web, accetti che questi tipi di cookie vengano registrati sul tuo dispositivo.

    Visualizza l’informativa sulla Privacy

Stampa E-mail
Sabato 13 Maggio 2017 11:45

Anche quest’anno la Delegazione della Sicilia Occidentale ha preso parte al Pellegrinaggio Internazionale della Veneranda Lingua d’Italia al Santuario di Lourdes. Il gruppo di Signori Malati, barellieri e sorelle, guidato dal Cappellano Magistrale Protopapàs Luigi Maria Lucini, si è imbarcato a Palermo per riunirsi il giorno successivo al resto del Gran Priorato ed al Gran Priore Fra’ Luigi Naselli di Gela, per il volo in partenza dall’aeroporto di Capodichino.

Per alcuni barellieri e sorelle si trattava della prima esperienza a Lourdes, ed era difficile nascondere l’emozione di un viaggio preparato da lungo tempo e tuttavia carico di aspettative.

Per gli altri invece ritrovare gli amici lontani, alcuni anche dopo anni, ha rappresentato una forte emozione, specialmente perché con loro avevano condiviso momenti di preghiera e spiritualità.

Quest’anno il tema scelto dal Santuario era quello del Magnificat: il Signore mostra agli infermi la sua tenerezza attraverso il volto di Maria, la madre che percorre il cammino fino ai piedi della croce, dove riassume in sé stessa tutta la fede della Chiesa. Lei è “Salus infirmorum”, lei è quella che accoglie e trasmette il dono di Dio, il dono della vita.

Nel corso della cerimonia di consegna delle medaglie del primo anno, a tutti i membri e volontari convenuti, il neoeletto Luogotenente di Gran Maestro, S.E. Fra’ Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto ha evidenziato il grande merito della partecipazione da parte di pellegrini provenienti da aree del mondo con in atto disordini, guerre civili o catastrofi naturali. Ha inoltre sottolineato l’impegno quotidiano dell’Odine per portare soccorso nel mondo alle masse di disperati rifugiati o migranti, secondo la missione dell’Obsequium Pauperum, nonché la testimonianza instancabile della Fede secondo la missione della Tuitio Fidei. Tali carismi saranno il punto fermo delle riforme previste nel prossimo anno sotto l’alta guida pastorale di S.E. l’Arcivescovo Angelo Becciu, Delegato Speciale del Santo Padre.