Messaggio
  • Informativa Privacy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire l’autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando questo sito web, accetti che questi tipi di cookie vengano registrati sul tuo dispositivo.

    Visualizza l’informativa sulla Privacy

La cucina dei Cavalieri: fra gastronomia e solidarietà Stampa E-mail
Giovedì 29 Marzo 2012 07:46
Grande consenso di pubblico e partecipanti per la seconda edizione dell’iniziativa “LA CUCINA DEI CAVALIERI”, svoltasi il 3 marzo scorso come è ormai tradizione presso la sede delegatizia di Palazzo Beneventano, nell’incantevole cornice dell’isola di Ortigia cuore di Siracusa. La gara di cucina, già oggetto di grande plauso lo scorso anno, ha riscosso quest’anno un successo ancora maggiore: dame e cavalieri da tutto il territorio delle Due Sicilie e ben centocinquanta commensali hanno partecipato alla cena di beneficenza preparata da un gruppo di cuochi davvero d’eccezione.
A fare gli onori di casa è stato il Barone Pietro Beneventano che, nella sua veste di Delegato Granpriorale di Siracusa e Ragusa, ha illustrato agli intervenuti le principali opere benefiche curate dai volontari dell’Ordine e realizzate in tutto il mondo.
Apprezzata è stata poi la partecipazione di Mons. Giuseppe Greco, direttore della Biblioteca Alagoniana, il quale è stato sempre vicino alle iniziative filantropiche e sociali della nostra Delegazione.
Davanti ai fornelli gli chef per una notte Fabiana Caracciolo di Melissano e Fiorella Liotto da Napoli, Ramiro Ramirez da Reggio Calabria, Antonietta Arezzo e Corrado Arezzo da Ragusa, Francesco Bruno da Roma, Ercole Noto Sardegna da Palermo e il gentile ospite Pietro Beneventano.
Incontro gastronomico 'La cucina dei Cavalieri'A giudicare l’incontro gastronomico interregionale il Delegato di Siracusa dell’Accademia Italiana per la Cucina Angelo Tamburini che, insieme al direttore Regionale del Centro Studi Cettina Voza, ha avuto il delizioso onere di assaggiare le meraviglie delle diverse cucine regionali: in gara Fusilli alla Verano, Spaghetti Scidditani, Intingolo alla greca, Risotto e Braciole di Ibla, Farso Magro alla ragusana, Mousses, Puntarelle con fiori di zucca, Lonza alle erbe del bosco, Babà Chantilly e Cannoli ri Iusu; tutto irrorato dai migliori vini e liquori scelti nelle sue cantine dal Barone Beneventano del Bosco.
Più che ardua la scelta del piatto meglio riuscito: la vittoria ha arriso infine al marchese Ramiro Ramirez che con il suo intingolo alla greca ha portato la sua Calabria sul podio.
La vera vittoria è però quella spirituale, e il premio più bello lo riceverà la comunità: ancora una volta infatti Dame e Cavalieri hanno dimostrato la propria nobiltà d’animo, raccogliendo in una serata d’amicizia e d’allegria migliaia di euro da destinare agli importanti progetti benefici e culturali del Sovrano Militare Ordine Di Malta.

Incontro gastronomico 'La cucina dei Cavalieri'