Messaggio
  • Informativa Privacy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire l’autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando questo sito web, accetti che questi tipi di cookie vengano registrati sul tuo dispositivo.

    Visualizza l’informativa sulla Privacy

IL GRUPPO A.B.C. DI ORTE ACCOGLIE UN NUOVO NATO AL CENTRO P.A. "HOTEL CARPE DIEM". Stampa E-mail
Venerdì 04 Agosto 2017 12:46

I Volontari del  Gruppo A.B.C. di Orte accolgono  il piccolo "Luciano Israel", nuovo nato da una coppia  del Camerun, ospite presso  il Centro di Prima Accoglienza per Rifugiati di Orte " Hotel Carpe Diem".
Giunge questa bella notizia da parte dei proprietari della struttura, che da circa 2 anni ospitano circa 170 Rifugiati politici sbarcati nelle coste italiane e che i Volontari del Gruppo A.B.C. di Orte  assistono attraverso  la fornitura di vestiario e beni di prima necessità.
A seguito del lieto evento, i Volontari del Gruppo hanno effettuato immediatamente  una raccolta di vestiario e di accessori per l'infanzia, permettendo così ai genitori del piccolo "Luciano Israel" di allestire la prima camera da letto per bebè nella struttura di Accoglienza.
Grande soddisfazione è stata mostrata da parte della famiglia Di Mari, titolari della struttura di Accoglienza che si sono complimentati con la Delegazione di Viterbo- Rieti dell'Ordine di Malta,  per l'operato tempestivo del Gruppo A.B.C. di Orte.
Gli stessi Volontari hanno inoltre organizzato una cena solidale, destinando una parte del ricavato all'assistenza del "neonato" e pure dei futuri bebè ospiti della Struttura di Accoglienza.
Il Delegato dell'Ordine di Malta per Viterbo-Rieti, Cav. di Grazia Magistrale Roberto Saccarello, ha espresso attraverso un messaggio, inviato al Capo Gruppo A.B.C. di Orte Cav.Dr.Giuseppe Cuscito, viva riconoscenza ai Volontari ed ai cittadini ortani che hanno fattivamente contribuito all'opera di solidarietà.
 
Raccolta fondi a favore dei malati di fibrosi cistica con la Lega Italiana Sezione Lazio Stampa E-mail
Venerdì 21 Luglio 2017 22:59

Nel corso del mese di giugno,  i Volontari del Gruppo A.B.C. di Orte, con il patrocinio della  Delegazione di Viterbo-Rieti, hanno organizzato unitamente ad un gruppo di genitori dell'Istituto Marco Simoncelli di Roma una raccolta fondi con una merenda pomeridiana.
Inoltre, il 15 giugno,  i Volontari del Gruppo A.B.C. di Orte - sempre con il patrocinio della Delegazione-  unitamente ai Responsabili della Lega Italiana Fibrosi Cistica della  Sezione Lazio, attraverso una cena  di beneficenza hanno continuato la  raccolta fondi , raggiungendo la somma  di euro 1416,00. Tale importo è stato  devoluto completamente all' Associazione  per la ricerca sulla fibrosi cistica, e per la cura dei degenti.
Nel corso della manifestazione, i responsabili della Lega Italiana Fibrosi Cistica sezione Lazio  - Sig.ra Silvana Mattia Colombi , Sig.ra Maria Grazia Ferone e Sig. Michele Casamassa  - hanno voluto omaggiare con una targa ricordo e con un grazioso peluche, mascotte della Lega "Martino", sia la Delegazione di Viterbo-Rieti che il Gruppo A.B.C. di Orte in segno di vivo apprezzamento per il sostegno  ai  Signori Malati di questa patologia.
Hanno ritirato la targa il Vice Delegato Ing.  Walter Violanti, Cavaliere di Grazia Magistrale, ed i Capi Gruppo ABC di Orte Giuseppe Cuscito e Cristiano Petrone.

 
Celebrazioni Antoniane alla Diocesi di Rieti Stampa E-mail
Sabato 17 Giugno 2017 22:47
Nel programma del Giugno Antoniano della Diocesi di Rieti, si è svolta sabato 17 giugno alle ore 10 presso la chiesa di San Francesco nel capoluogo Sabino, la Santa Messa Solenne della Delegazione di Viterbo - Rieti del Sovrano Militare Ordine di Malta, presieduta da S.E. Rev.ma Mons. Lorenzo Chiarinelli, Vescovo Emerito di Viterbo, e concelebrata da Mons. Benedetto Falcetti.

La scelta della chiesa francescana a Rieti è stata molto importante per questa celebrazione, perché in questo luogo è custodita un’autentica Reliquia di Sant'Antonio e lo stesso Vescovo Chiarinelli ha voluto ricordare la vicinanza tra il cammino dell’Ordine di San Giovanni, nella sua storia millenaria, con la vicenda personale di Santo di Padova. Infatti, se l’Ordine Giovannita ha posto nel suo stesso motto la difesa della Fede e l’aiuto ai poveri, allo stesso modo Sant’Antonio nella sua vita ha messo al primo posto l’insegnamento e la predicazione, al fine di difendere la Fede dalle eresie del suo tempo, e l’amore verso i poveri.

Il Vescovo nella sua Omelia ha continuato la sua esortazione verso i Cavalieri, i Donati, le Dame e i Volontari intervenuti, chiedendo a tutti uno sforzo ulteriore nei confronti dei poveri e dei bisognosi del Territorio, portando avanti con coraggio la benemerita opera del Beato Gerardo, anche dopo mille anni dalla sua istituzione, nel solco dei principi evangelici degli insegnamenti del Magistero. Il Presule non ha mancato di ricordare pure gli stretti rapporti da lui intrattenuti con l'Ordine durante il suo episcopato viterbese, ringraziando in particolare la Delegazione per l'opera di soccorso ai Pellegrini svolta da Cavalieri e Volontari in occasione del Grande Giubileo del 2000.

Alla fine della celebrazione anche un momento molto significativo in cui, dopo la benedizione impartita da S.E. Rev.ma Mons. Lorenzo Chiarinelli, il Delegato, Cavaliere di Grazia Magistrale Roberto Saccarello, ha consegnato le insegne di Cappellano Magistrale a Mons. Benedetto Falcetti - per lunghi anni al servizio degli ultimi come Direttore della Caritas reatina - che seguirà spiritualmente la Sezione di Rieti della Delegazione.


 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 19