Messaggio
  • Informativa Privacy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire l’autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando questo sito web, accetti che questi tipi di cookie vengano registrati sul tuo dispositivo.

    Visualizza l’informativa sulla Privacy

“Frammenti di un mondo ritrovato” a Palazzo Malta Stampa E-mail
Giovedì 09 Luglio 2015 11:09
manifesto MostraLe architetture venete, i leoni marciani e i capricci d’artista saranno protagonisti, a Venezia, di una nuova mostra negli spazi restaurati di Palazzo Malta. Dal prossimo 18 luglio (inaugurazione alle 18.00), infatti, la sede del Gran Priorato di Lombardia e Venezia ospiterà “Frammenti di un mondo ritrovato”, esposizione di opere di Igino Marangon, architetto trevigiano e noto “ritrattista” di edifici della cultura veneta dai rustici delle campagne ai palazzi veneziani. L’evento si protrarrà fino al 27 settembre. Palazzo Malta, così, intende mantenere subito accessibili i suoi spazi espositivi, dopo il successo di “Dai Cavalieri di Malta agli Orizzonti” di Maurizio Diana, ormai avviata alla conclusione del 12 luglio.
Le opere esposte saranno una antologia di notevole interesse di quanto il disegno di Igino Marangon ha espresso con successo in molti anni di attività. Le immagine realizzate dalla sua mano ritraggono principalmente edifici, facendoli apparire quasi dotati una forza vitale propria. Si tratta di vere istantanee delle costruzioni che hanno accompagnato la storia veneta dai casoni e le case coloniche delle campagne, alle ville venete e le loro barchesse, alle chiese e gli stabili cittadini, fino ai superbi palazzi veneziani. Ma molto interessanti sono anche i disegni di frammenti architettonici che nei fogli di Marangon rivivono non come pezzi inerti ma tessere quasi animate in grado di far cogliere il quadro completo e un contesto più ampio. Tra questi, una sorta di catalogazione  di diversi leoni lapidei di San Marco conservati in tutto il Veneto e alcuni capricci in cui l’opera nasce da una visione d’insieme di resti architettonici, alcuni anche con la Croce ottagona.
Dopo la mostra inaugurale dei nuovi spazi di Palazzo Malta, dedicata al legame con l’isola a cui l’Ordine ha legato le sue vicende storiche per sempre, ora il Gran Priorato di Lombardia e Venezia aprirà le sue porte per un nuovo evento dedicato a Venezia ed alla sua emanazione culturale nella Terra Ferma.  
 
Venezia. Festa di S. Giovanni Battista a Palazzo Malta Stampa E-mail
Lunedì 22 Giugno 2015 12:23
E’ stata celebrata sabato 20 giugno giugno scorso a Venezia nella chiesa del Gran Priorato, la solennità del patrono San Giovanni Battista. La messa,  presieduta dal Vescovo emerito di Sanremo e Ventimiglia Alberto Maria Careggio alla presenza del Gran Priore fra’ Silvio Goffredo Martelli, ed il tradizionale incontro nel giardino del complesso, da poco restaurato e restituito all’antico splendore, ha visto la presenza di autorità civili e militari tra cui il neosindaco di Venezia Brugnaro ad una delle sue prime uscite ufficiali. Numerosi i cavalieri e le dame provenienti da tutta l’Italia Settentrionale e la Sardegna insieme alle  rappresentanze del Corpo militare e del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine. Il Gran Priore era affiancato dal ricevitore Gherardo degli Azzoni Avogadro e dal procancelliere Antonio Fojadelli di recente nomina.
 
Mostra d'arte nel restaurato Gran Priorato di Venezia Stampa E-mail
Giovedì 14 Maggio 2015 21:32
Una figurazione illuminata. Dai Cavalieri di Malta agli orizzontiNella restaurata chiesa di San Giovanni Battista dell'Ordine di Malta a Venezia, alla presenza del Gran Priore di Lombardia e Venezia fra’ Silvio Goffredo Martelli, martedì 12 maggio è stata inaugurata la mostra “Una figurazione illuminata. Dai Cavalieri di Malta agli orizzonti”. L’evento, pensato in concomitanza con la Biennale veneziana, presenta numerose opere dell’artista Maurizio Diana, raffiguranti vari Gran Maestri dell’Ordine e realizzate dal 2006 ad oggi nell’ambito del ciclo “Le chevalier et la dame”.
L’esposizione offre l’occasione per visitare il restaurato complesso gran priorale ed ammirare anche il famosissimo “Battesimo di Cristo con il donatore Priore Sebastiano Michiel” di Giovanni Bellini.
Malta, la sua storia ed i suoi Cavalieri, sono i riferimenti che hanno profondamente influenzato l’artista Maurizio Diana da quando all’inizio degli anni 2000, ha prestato la sua opera, come esperto di tecnologie, nell’importante operazione di restauro della Cappella d’Italia della Concattedrale di San Giovanni Battista a Valletta (Malta). L’operazione, lunga e coinvolgente, ha segnato profondamente il suo spirito creativo, influenzando con la storia, l’ambiente, la vita dell’isola e dell’Ordine la sua più ampia esperienza artistica della “Figurazione illuminata”.
La mostra resterà aperta dal fino al 12 luglio 2015, tutti i giorni (tranne il lunedì) dalle ore 11,00 alle ore 19,00. Per informazioni: Palazzo Malta, Castello 3253, 30122 Venezia(Italia) Tel: + 041 5222452 Fax: + 041 5209955.
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 Succ. > Fine >>

Pagina 6 di 6