Messaggio
  • Informativa Privacy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire l’autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando questo sito web, accetti che questi tipi di cookie vengano registrati sul tuo dispositivo.

    Visualizza l’informativa sulla Privacy

Prospettive future in flebolinfologia Stampa E-mail

Il 25 ottobre 2010 si è svolto presso la Tensostruttura dell’Ospedale San Giovanni Battista alla Magliana un workshop intersocietario (vedi programma allegato) sulle ‘prospettive future in flebolinfologia’.
È stata una importante e partecipata occasione scientifica per definire gli aspetti emergenti ed innovativi in campo diagnostico e terapeutico nell’ambito delle patologie dei sistemi linfatico e venoso.
Hanno partecipato illustri esperti nazionali ed internazionali nei settori specifici di competenza apportando, anche in sede di discussioni con il pubblico, i risultati della loro esperienza personale e della aggiornata Letteratura scientifica mondiale.
La presenza di operatori appartenenti a varie discipline  sanitarie (infermieri, fisioterapisti e medici di varie specialità) ha contribuito ad accrescere il valore del concetto, più volte espresso durante le relazioni dalle singole figure professionali che si sono alternate nei loro interventi,  del lavoro in TEAM; questo acronimo che deriva dalle parole inglesi Togheter Everybody Achevies More (Ognuno insieme ottiene di più) oggi è ritenuto indispensabile in tutti gli ambiti della riabilitazione per il raggiungimento dei migliori e più rapidi risultati clinici. L’Ospedale è da tempo un simbolo di armonico lavoro in équipe come è chiaramente emerso dagli ‘apprezzati’ interventi fatti durante tutta la giornata dai suoi stessi operatori.


 
Commiato del Generale di C.A. Mario Prato di Pamparato Stampa E-mail
Mercoledì 15 Settembre 2010 16:42
In occasione della festa della Natività della B.V. Maria , si è svolto mercoledì 8 settembre scorso il tradizionale Pellegrinaggio ad Assisi (Basilica S. Maria degli Angeli,)  per venerare l’Icona di Nostra Signora del Monte Fileremo, protettrice del Sovrano Ordine.

La cerimonia è proseguita nel pomeriggio, nella splendida cornice del Castello di Magione, ove si è svolto il XVI Incontro di cultura melitense.

Dopo la presentazione dell’incontro da parte del Prof. Paolo Caucci von Saucken, la Dott.ssa Giovannella Bertè Ferraris ha illustrato al vasto uditorio la descrizione e l’analisi iconologica della storica icona del volto della Madonna del Fileremo, ricomparsa in Montenegro.

Ma il momento più intenso e toccante è stato quello della cerimonia di saluto e di commiato al Generale di Corpo d’Armata Mario Prato di Pamparato, Comandante del Corpo Speciale Ausiliario dell’Esercito Italiano-SMOM.

Il nostro Comandante, dopo 58 anni di servizio attivo, ha infatti lasciato l’Esercito Italiano e il Sovrano Militare Ordine di Malta, in seno al quale ha trascorso gli ultimi quindici anni della sua prestigiosa carriera.

Leggi tutto...
 
Siracusa: II campo estivo Gran Priorale Stampa E-mail
Lunedì 30 Agosto 2010 11:35

Anche quest’anno, sotto gli auspici del Procuratore del Gran Priorato di Napoli e Sicilia Frà Luigi Naselli di Gela e con il convinto e fattivo sostegno del Cancelliere Gran Priorale Arturo Martucci di Scarfizzi, si è svolto a Siracusa il II Campo Estivo Gran Priorale. Il risultato del Campo Estivo del 2009, sia per la numerosa partecipazione di ragazzi di diverse delegazioni anche degli altri Gran Priorati, sia per la successiva alta percentuale di presenze degli stessi ragazzi ad attività dell’ordine più marcatamente di servizio, particolarmente la partecipazione ai pellegrinaggi di Loreto e Lourdes, ha fatto si che i vertici gran priorali approvassero l'iniziativa. Alla guida dell’organizzazione la stessa squadra che ne aveva varato la prima edizione, Fabiana Caracciolo di Melissano, consigliere del Gran Priorato nel Consiglio Magistrale per i pellegrinaggi, Pietro Beneventano del Bosco, Delegato di Siracusa e Ragusa, e Francesco Bruno di Belmonte. Il Campo si è svolto nell’entroterra siracusano, tra la campagna di Monteclimiti ed il mare di Capo Passero, con brevi ma gradite sortite a Ragusa. I ragazzi partecipanti coprivano le età dai 16 ai 30 anni, equamente divisi tra ragazzi e ragazze, ad essi si sono aggiunti, quasi come fulcro, cinque ragazzi della casa-famiglia “Il dito e la luna” di Salerno.

Il Campo Estivo sembra saltare le tappe che normalmente si seguono nella crescita di ogni nuova esperienza. La prima edizione, già molto apprezzata, non regge il confronto con quella di quest'anno, soprattutto a causa della disponibilità dimostrata da tutte le persone coinvolte. Non più soltanto gli organizzatori hanno dedicato tempo e energie a questa bella esperienza. Particolarmente, devono essere ringraziati tutti i confratelli che si sono dimostrati pronti a dare un proprio contributo di tempo e impegno personale. Sarebbero stati di più ,ma il tempo del Campo era limitato a soli sette giorni. L’idea di utilizzare il Campo per avvicinare i ragazzi a tutte le attività dell'Ordine, si è rivelata vincente vista l’alta percentuale di partecipanti ai Pellegrinaggi successivi ed alle altre attività organizzate dai Gruppi Giovanili del Gran Priorato.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 Succ. > Fine >>

Pagina 30 di 36