Messaggio
  • Informativa Privacy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire l’autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando questo sito web, accetti che questi tipi di cookie vengano registrati sul tuo dispositivo.

    Visualizza l’informativa sulla Privacy

Appello straordinario di raccolta fondi per Haiti lanciato dall'Associazione dei Cavalieri Italiani del Sovrano Militare Ordine di Malta Stampa E-mail
Lunedì 18 Gennaio 2010 19:54
Come sapete un fortissimo terremoto ha devastato la capitale di Haiti, Port-au-Prince, dove l'Ordine è presente da anni sostenendo le attività sanitarie dell'ospedale "Sacre Coeur" nel paesino di Milot.

In queste ore il Corpo di soccorso internazionale dell’Ordine di Malta sta inviando medici e medicinali nelle zone disastrate dal sisma.
In accordo con la direzione del Malteser International Relief Fund e con la supervisione di S.E. il Grand'Ospedaliere, vi chiediamo di partecipare generosamente a questa campagna di raccolta fondi che verranno utilizzati sia per rispondere alle necessità dell'emergenza in corso, sia per i successivi progetti di assistenza medica alla popolazione haitiana.

L’ACISMOM ha già inviato 5.000 euro per le prime necessità dei soccorritori e ha messo a disposizione della protezione civile italiana personale sanitario e logistico del CISOM.


Certo della vostra solidale partecipazione vi comunico che potrete effettuare le vostre donazioni presso:

A.C.I.S.M.O.M.
Banca Popolare di Novara – Agenzia n. 8
Viale del Castello della Magliana n. 38
Codice IBAN:   IT 59 H 05608 03208 000000021349
Codice SWIFT: NVRBIT21068
Causale: " Terremoto Haiti"


Narciso Salvo di Pietraganzili
Commissario Magistrale dell'Associazione dei Cavalieri Italiani
del Sovrano Militare Ordine di Malta
 
Epifania: nel Duomo di Napoli i doni del Gran Priorato Stampa E-mail
Giovedì 07 Gennaio 2010 01:32
Anche quest’anno il 6 Gennaio, come da tradizione, il Gran Priorato di Napoli e Sicilia ha celebrato la festa dell’Epifania donando un giocattolo ed un sorriso ad oltre trecento bambini di tutte le comunità  etniche presenti nella Diocesi Napoletana.  
La cerimonia, organizzata in stretta collaborazione con la Curia di Napoli, si è svolta nel Duomo gremito di fedeli, al termine di una solenne e suggestiva celebrazione Eucaristica officiata dall’Arcivescovo di Napoli Sua Eminenza il  Cardinale Crescenzio Sepe, in cui sono intervenuti con folclore anche gruppi etnici delle diverse comunità.
In rappresentanza del Gran Priorato ha partecipato il Procuratore  Frà Luigi Naselli di Gela  accompagnato da numerosi Cavalieri.
Al termine della Sua omelia, il Cardinale Sepe ha indirizzato parole di auguri e saluti a tutti i presenti esprimendosi  nelle loro diverse lingue.
La cerimonia si è conclusa con la consegna dei doni ai bambini da parte di Sua Eminenza e di Frà Luigi Naselli, accompagnata da tanti applausi e dalla partecipazione gioiosa e commossa di tutti i presenti.

 
Celebrazione eucaristica in ricordo della visita di Sua Santità nell'ospedale San Giovanni Battista Stampa E-mail
Giovedì 10 Dicembre 2009 17:27
Sono passati due anni ma il ricordo della presenza di Sua Santità Benedetto XVI nei reparti dell'ospedale San Giovanni Battista è ancora vivissimo. Ed oggi, per sottolineare l'importanza di quell'avenimento, il Gran Maestro ha voluto partecipare alla funzione religiosa celebrata nella tensostruttura gremita di persone. Tanti gli ammalati scesi dai reparti, accompagnati da medici, infermieri, terapisti e volontari. C'erano anche molti  ragazzi della Scuola Infermieri.

Tutti hanno ascoltato con attenzione le parole del Commissario magistrale, Narciso Salvo di Pietraganzili, che, nell'indirizzo di saluto al Gran Maestro, ha ricordato le parole di Bendetto XVI: “In ogni malato, chiunque esso sia, sappiate riconoscere e servire Cristo stesso; fategli percepire, con i vostri gesti e le vostre parole, i segni del suo amore misericordioso. Nella prova e nella malattia Dio ci visita misteriosamente e, se ci abbandoniamo alla sua volontà, possiamo sperimentare la potenza del suo amore. Gli ospedali e le case di cura, proprio perché abitati da persone provate dal dolore, possono diventare luoghi privilegiati dove testimoniare l’amore cristiano che alimenta la speranza e suscita propositi di fraterna solidarietà.”
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 31 32 33 34 35 Succ. > Fine >>

Pagina 32 di 35