Cardinale Gaetano Bisleti

Gaetano Bisleti è nato a Veroli, il 20 marzo 1856.
Fu educato al Seminario di Tivoli e alla Pontificia Accademia dei Nobili Ecclesiastici, dove conseguì il dottorato in teologia nel 1879.
Bisleti fu ordinato sacerdote il 20 settembre 1878, successivamente fu nominato canonico e arcidiacono del capitolo della cattedrale di Veroli dove prestò servizio fino al 1884.
Il 20 dicembre 1884 fu creato ciambellano de numero partecipantiium.
Il 29 maggio 1901 fu elevato a prelato domestico e maestro della camera papale.
Gli furono conferiti numerosi ordini e decorazioni:
Commendatore dell'Ordine della Corona di Prussia;
Commendatore dell'Ordine di Ferdinando IV di Toscana;
Commendatore dell'Ordine della Corona del Siam;
Gran Croce dell'Ordine Reale Sassone Albrecht;
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Immacolata di Vila Viçosa;
medaglia Pro Ecclesia et Pontifice.
Nei mesi di maggio e giugno 1907, quando Bisleti era ancora Monsignore e Maggiodomo di Sua Santita, l'artista americano di origine svizzera Adolfo Müller-Ury (1862-1947) che si trovava a Roma dipinse un grande ritratto di Papa Pio X (North American College) e due ritratti del cardinale Rafael Merry del Val, in quell’occasione completò anche un ritratto di Bisleti
Il fatto fu riportato sul New York Herald domenica 27 dicembre 1908.

 

Cardinalato

Gaetano Bisleti fu creato e proclamato Cardinale Diacono di S. Agata in Suburra da Papa Pio X nel Concistoro del 27 novembre 1911.
Dal 2 gennaio 1914 fu Gran Priore del Sovrano Militare Ordine di Malta.
Partecipò al Conclave del 1914 che elesse papa Benedetto XV.
Papa Benedetto lo nominò primo Prefetto della Congregazione per i Seminari e le Università il 1° dicembre 1915.
Fu Cardinale elettore nel conclave del 1922 che elesse Papa Pio XI.
Come cardinale protodiacono annunciò l'elezione di Pio XI e il 12 febbraio 1922 incoronò il nuovo papa con la Tiara papale.
Nell'ottobre 1911 sposò il futuro imperatore d'Austria-Ungheria Carlo I d'Austria (della famiglia degli Asburgo) con sua moglie Zita di Borbone-Parma.

Incarichi ricoperti:

 

Morì a Grottaferrata il 30 agosto 1937, sepolto a Veroli, all’interno della Chiesa dell’Olivella.